Vincent Van Gogh museum

Museo d’arte Van Gogh di Amsterdam, Paesi Bassi, dedicato all’opera di Vincent van Gogh e dei suoi contemporanei. Si trova in Amsterdam Museum Square.

storia

Il museo è stato aperto il 3 giugno 1973. Gli edifici del museo sono stati progettati da Gerrit Reitveld e Kisho Kurokawa. Il museo ospita la più grande collezione di tele di Van Gogh. Nel 2013, il museo ha registrato 1,4 milioni di visitatori, rendendolo il secondo museo più visitato nei Paesi Bassi e il 35 ° museo più visitato al mondo. Nel 2014, il museo ha avuto 1,6 milioni di visitatori.

collezione

Il museo ha la più grande collezione di Van Gogh al mondo – 200 dipinti, 400 dipinti, 700 lettere di Vincent Van Gogh.
La cronologia della mostra principale delle varie fasi della vita artistica di Van Gogh. La collezione permanente comprende 9 autoritratti dell’artista e diverse opere nel 1882.

partecipazione

Dal 2000, il museo ha ricevuto tra 1,2 e 1,7 milioni di visitatori ogni anno. Dal 29 settembre 2012 al 25 aprile 2013, il Museo Van Gogh è stato situato nell’Hermitage di Amsterdam a causa di lavori di ricostruzione.

Il Van Gogh Museum, essendo un museo nazionale, è una fondazione privata.
Dal 2006, il museo è gestito da Alex Ruger.
Il Van Gogh Museum è membro del Museumvereniging.

Oltre alle opere del famoso artista, si possono vedere le opere dei contemporanei di Van Gogh.
Van Gogh non era stato in grado di vendere il suo lavoro per molti anni, causando depressione cronica, epilessia e gravi disturbi psicologici.
In assenza di denaro, non poteva pagare i pellegrini; Ecco perché dipinge molti ritratti. L’unica persona che ha compreso e aiutato con il genio incompreso era suo fratello maggiore Theo van Gogh. Ma Theo non è riuscito a classificare la sua eredità. Le foto e la corrispondenza dei fratelli vengono trasmesse alla vedova del fratello, che legge le lettere con interesse, ne apprezza il loro stile e pubblica una collezione. La collezione è accettata dal pubblico e l’artista ottiene un certo riconoscimento. Il nome di Van Gogh sta iniziando a farsi conoscere.
Prima dell’apertura del museo, fino al 1973, i dipinti del maestro erano conservati dal nipote dell’artista, proprietario dell’idea di creare un museo e dargli vita. L’edificio è stato progettato dal designer e architetto olandese Gerrit Reitveld. Venticinque anni dopo, fu aggiunta un’ala dimostrativa aggiuntiva, progettata dal giapponese Kisho Kurokawa. Le opere dell’artista nel museo sono esposte nella cronologia della mostra.
Gli esperti dividono l’arte di Van Gogh in cinque fasi:

  1. I primi lavori
  2. Parigi
  3. Arl
  4. Saint-Remy
  5. Over

I dipinti di Van Gogh sono i più rubati al mondo. Nel 2002, due dipinti sono stati rubati dal museo. Nessuna delle foto è stata restituita. Sorprendentemente, ma secondo la legge olandese, se i dipinti persi per 30 anni non vengono trovati, i ladri possono rivendicare i loro diritti sui capolavori.
Si ritiene che durante la sua vita l’artista abbia venduto un solo dipinto per 400 franchi ad Arles Red Grapes. Ma i fatti mostrano il contrario, anche gli acquirenti erano precedenti, ma il prezzo di vendita era molto basso. Il dipinto “Ariete nell’uva rossa” era solo la vendita più costosa di Van Gogh.

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out /  Change )

Google photo

You are commenting using your Google account. Log Out /  Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out /  Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out /  Change )

Connecting to %s